Top

NEPAL e BHUTAN 24 OTTOBRE – 3 NOVEMBRE 2019

Il paese del drago tuonante

 

1° giorno * giovedì  24 ottobre  ITALIA/ KATHMANDU

Riunione dei Signori Partecipanti all’aeroporto di Venezia e partenza con volo di linea per Kathmandu, via Istanbul. Pasti e pernottamento a bordo.

 

2° giorno * venerdì 25 ottobre  KATHMANDU

Arrivo in mattinata, disbrigo delle modalità d’ingresso e trasferimento all’hotel. Prima colazione nel pomeriggio visita di Boudh Nath Stupa: lo stupa di Bodhnath che si trova a 8 chilometri a est di Kathmandu. Questo stupa colossale e antico è uno dei più grandi al mondo è stato costruito dal re Lichchhavi Mana-deva nel quinto secolo d.C. è costruito su una base ottagonale. Lo stupa si trova nell’area dell’antica via commerciale del Tibet dove i mercanti tibetani riposavano. Molti rifugiati scappati dall’invasione cinese decisero di vivere qui e si è sviluppato un quartiere molto popoloso. Si dice che lo stupa conservi i resti di un saggio Kasyap venerato sia dai buddisti che dagli indù. Bouddhanath è il centro della cultura tibetana in Nepal. Rientro in hotel cena e pernottamento.

 

3° giorno * sabato 26 ottobre  KATHMANDU – PARO

Prima colazione in hotel e trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo per Paro.

Dopo un volo mozzafiato sulle grandi vette Himalayane arrivo nel paese del drago tuonante, a 2134 mt. Viaggio attraverso la pittoresca valle di Paro con i suoi pittoreschi villaggi tra risaie terrazzate. Arrivo in hotel cena e pernottamento

 

4° giorno * domenica 27 ottobre PARO – PUNAKHA (circa 125km. / 04½h.)

Dopo colazione, partenza per Punakha. All’arrivo check-in in hotel. Nel pomeriggio visita alla cittadina che gode di un clima temperato e asciutto. Prima che Thimphu diventasse la capitale del Bhutan, Punakha deteneva il titolo di capitale invernale per il suo clima. Oggi è la residenza invernale di Je-Khenpo. Visita al Punakha Dzong (1250 m), l’edificio dalle dimensioni maestose, costruito alla confluenza dei fiumi Phochu e Mochu, nel 1637 dal primo Shabdrung del Bhutan, serviva sia come centro religioso che amministrativo del Bhutan. Danneggiato più volte da alluvioni catastrofiche, ospita alcune reliquie particolarmente sacre e fu la sede dell’incoronazione del primo re del Bhutan. Rientro a Punakha, tempo a disposizione per visitare la cittadina situata sulla riva del fiume. Cena e pernottamento in hotel.

 

5° giorno * lunedì 28 ottobre PUNAKHA DOCHU – LA PASS-THIMPHU (75Km. / 3h.)

Dopo la colazione, escursione a Chimi Lhakhang, situato al centro della valle, noto anche come il tempio della fertilità. È opinione diffusa che le coppie che non hanno figli e ne vogliono una, se pregano in questo tempio, sono generalmente benedette da un bambino molto presto. Il sentiero conduce attraverso le risaie fino al piccolo insediamento di Pana, che significa “campo”. Una passeggiata attraverso il villaggio vicino al tempio darà rari scorci sulla vita quotidiana e sullo stile di vita degli abitanti del villaggio. Nel pomeriggio, escursione al passo di Dochu-la (3.088 mt) fermandosi brevemente ad ammirare il panorama e i 108 chorten, le bandiere di preghiera che decorano il punto più alto della strada. Se il cielo sarà limpido si potranno ammirare le vette Himalayane più alte, Masagang (7.158 m), Tsendagang (6.960 m), Terigang (7.060 m), Jejegangphugang (7.158 m), Kangphugang (7.170 m), Zongphugang (7, 060 m), infine Gangkar Puensum, la vetta più alta del Bhutan a 7.497m. Arrivo in serata a Thimphu (2286 m), capitale del Bhutan. Thimphu è una piccola, affascinante capitale nel cuore dell’Himalaya. Non ha l’aspetto di una capitale ma di un grosso villaggio con case decorate in stile tradizionale bhutanese. Tempo libero, cena e pernottamento in Hotel.

 

6° giorno * martedì 29 ottobre THIMPHU

In mattinata, dopo la prima colazione, inizio delle visite con la Biblioteca Nazionale, che contiene una vasta collezione di antichi testi buddisti e manoscritti, alcuni risalenti a diverse centinaia d’anni, così come i libri accademici moderni sulla cultura e la religione dell’Himalaya. Seguirà la visita al vicino Institute for Zorig Chusum, noto come Arts & Crafts School o Painting School. L’istituto offre un corso di sei anni sulle 13 arti e mestieri tradizionali del Bhutan. Proseguimento con la visita al Museo del tessile, che ospita una buona collezione di manufatti tessili bhutanesi esclusivi e antichi.

Visita al Simply Bhutan, progetto esclusivo del Bhutan Youth Development Fund (YDF), costruito per offrire un’esperienza unica, è un museo vivente che incapsula il patrimonio culturale del popolo bhutanese. Completamente gestito da giovani e persone in cerca di lavoro. Nel pomeriggio visita al King’s Memorial Chorten. La costruzione di questo punto di preghiera è stata l’idea del terzo re del Bhutan, Sua Maestà Jigme Dorji Wangchuk che ha voluto erigere un monumento alla pace e alla prosperità del mondo. Proseguimento fino al sito di Kuensel Phodrang, ove si trova la statua di Buddha più grande del paese. L’area offre anche un’eccellente vista della valle di Thimphu da ovest.

Nel tardo pomeriggio visita a Tashichoedzong, imponente fortezza / monastero che ospita l’edificio del Segretariato, la sala del trono di Sua Maestà, il Re e vari uffici governativi. Cena e pernottamento in hotel

 

7° giorno * mercoledì 30 ottobre THIMPHU/PARO (55 Km. / 01½h.)

Dopo colazione, partenza per Paro. All’arrivo check-in in hotel. Scendendo da Dochu La, si segue la strada per le valli dei fiumi Wang Chhu e Paro Chhu, prima di attraversare Paro Town verso l’estremità nord della valle. Durante il tragitto visita del Simtokha Dzong, il luogo del profondo insegnamento tantrico, questo Dzong ospita ora una scuola per lo studio della lingua Dzongkha. Dopo il pranzo, visita alla Drukgyel Dzong, una fortezza in rovina dove i guerrieri bhutanesi combatterono invasori tibetani. La cupola del sacro Chomolhari, “montagna della dea”, può essere vista in tutta la sua gloria dalla strada di accesso allo Dzong. Lungo la strada, visita del Kyichu Lhakhang, uno dei 108 templi costruiti in Himalaya dal re tibetano Songtsen Gampo. La costruzione di questo tempio segna l’introduzione del buddismo in Bhutan. Cena e pernottamento in hotel.

 

8° giorno * giovedì 31 ottobre PARO

Dopo la colazione escursione al monastero Taktshang (circa 5 ore a piedi), uno dei più famosi monasteri del Bhutan, arroccato sul fianco di una scogliera a 900 metri sopra il fondovalle di Paro. Si dice che Guru Rinpoche arrivò qui sul retro di una tigre e meditò in questo monastero e quindi si chiama “Nido della Tigre”. Questo sito è stato riconosciuto come luogo più sacro e visitato da Shabdrung Ngawang Namgyal nel 1646 e ora visitato da tutti i bhutanesi almeno una volta nella vita. Il 19 aprile 1998, un incendio danneggiò gravemente la struttura principale dell’edificio, ma ora questo gioiello del Bhutan è stato riportato al suo splendore originale.

Rientro in hotel cena e pernottamento.

 

9° giorno * venerdì 1° Novembre     PARO – KATHMANDU

Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto per il volo di ritorno a Kathmandu. Nel pomeriggio visita di (Bhadgaon) Bhaktapur, situata ad un’altitudine di 1.401 m, copre un’area di 7 kmq. Bhaktapur o “la città dei devoti” conserva ancora il fascino medievale. La gloria passata dei sovrani di Malla continua a riflettersi nella Piazza Durbar. la città ospita 172 templi, 77 cisterne, 172 rifugi per pellegrini e 152 pozzi. Molte opere d’arte architettoniche come la porta del leone, la statua del re Bhupatindra Malla, la galleria di immagini, il cancello dorato, il palazzo di 55 finestre, la campana di cani che abbaiano, la replica del tempio di Pashupatinath. Purtroppo, il terremoto del 2015 ha danneggiato ben 116 siti della città. In questo luogo il nostro registra Bernardo Bertolucci ha girato gran parte del film “Il piccolo buddha”. Cena e pernottamento in hotel

 

10° giorno * sabato 2 novembre  KATHMANDU

Dopo la prima colazione visita di Città di Kathmandu. Iniziamo con il tempio del Signore Shiva – Pashupatinath, una pagoda riccamente ornata con due tetti a più livelli dorati e le porte d’argento. Segue la visita al Tempio di Gheswari, un altro santuario storico e sacro dedicato alla dea Guheswari. Hanuman Dhoka (Durbar Square), Costruito tra il 12° e il 18° secolo, questo complesso di palazzi, cortili e templi è la sede storica dei reali. Visita alla Kumari House. Proseguimento per Swayambhunath, classificato come sito UNESCO, uno dei siti buddisti più importanti del Nepal, e per Patan, considerata la più antica tra le città reali nella valle di Kathmandu. Nel pomeriggio si prosegue con la visita di Pashupatinath, uno dei quattro siti religiosi più importanti dell’Asia per i devoti di Shiva. Il tempio di Pashupatinath, dorato a due livelli con quattro porte d’argento, è il più grande e più sacro di tutti i templi indù. Si trova sul sacro fiume Bagmati, a 6 km a est di Kathmandu, i non indù non sono ammessi in questo tempio. Si ritiene che sia stato costruito molto prima dell’inizio dell’era cristiana. Visita solo esterna. Rientro in hotel cena e pernottamento.

 

11° giorno * domenica 3 Novembre   KATHMANDU – ISTANBUL

Dopo la prima colazione tempo libero a disposizione. In tempo utile trasferimento all’aeroporto internazionale e partenza del nostro volo per Istanbul. Arrivo nel tardo pomeriggio a Istanbul e trasferimento in albergo per la cena ed il pernottamento.

 

12° giorno * lunedì 4 Novembre   ISTANBUL – VENEZIA

Di primo mattino trasferimento all’aeroporto e operazioni di imbarco sul volo di linea per Venezia.

 

 

 

 

 

 

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE DI

€ 3.535,00 (min. 15 pax)

€ 3.775,00 (min. 10 pax) COMPRENDE:

 

  • Viaggio con voli di linea Thurkish Airlines Venezia/Kathmandu/Venezia, in classe turistica;
  • Voli internazionali Kathmandu/Paro/Kathmandu;
  • 10 pernottamenti negli hotels indicati (o similari) in camere doppie con servizi privati;
  • Trattamento di pensione completa dalla prima colazione del secondo giorno alla cena del 11° giorno di viaggio, bevande escluse;
  • Trasferimenti ed escursioni in pullman privato con aria condizionata;
  • Assistenza di guida / accompagnatore nepalese parlante italiano a disposizione per tutta la durata del tour;
  • Guida locale in Bhutan parlante inglese;
  • Ingressi ai siti visitati;
  • Assicurazione sanitaria e bagaglio Axa Assistance;
  • Visto di ingresso in Bhutan;
  • Responsabile IOT in partenza dall’Italia per tutta la durata del viaggio;
  • Borsa da viaggio e guida turistica;
  • Tasse locali del Bhutan;

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:

 

  • Tasse aeroportuali internazionali € 314,00 (alla data del 12/04/2019);
  • Facchinaggi negli hotels;
  • Visto di ingresso in Nepal (usd 25,00 ad ingresso, da pagarsi in loco);
  • Mance, bevande a tavola ed extra personali in genere;
  • Quota di iscrizione € 95,00 – obbligatoria e include l’assicurazione contro i rischi di annullamento;
  • Supplemento camera singola € 595,00;
  • Il trasferimento per/da l’aeroporto di Venezia (il costo verrà suddiviso in base al numero dei partecipanti, indicativamente euro 50/70);

 

 

La quota di partecipazione è calcolata sulla base dei minimi di persone indicati ed in base alle tariffe Aeree ed al livello dei cambi in vigore alla data del lancio della iniziativa (€ 1,00 = $ 1,13). Se al momento dell’effettuazione del viaggio si verificassero delle sensibili differenze, la quota potrà essere modificata in proporzione.

 

NOTA PER I VISTI:

Per il rilascio del visto di ingresso in Buthan è necessario fornire all’agenzia la fotocopia del passaporto individuale valido almeno 6 mesi dalla data di ingresso nel Paese e 1 fotografia formato tessera (la foto deve essere recente e su sfondo bianco).

Il visto di ingresso in Nepal viene rilasciato all’arrivo presentando il passaporto, 2 foto tessera (4 nel nostro caso dovendo fare un doppio ingresso) e il versamento di 25 Usd a persona.

BHUTAN – caratteristiche particolari:

– Altitudine. Tutte le località si situano ad un’altitudine massima di 3000 con punte di 3500 metri sul livello del mare. Tuttavia il vostro viaggio si svolgerà prevalentemente ad un’altitudine tra i 2.000 ed i 2.500 m slm. Tra tutte le zone himalayane, questa è quella meno alta.

– Clima. Il Bhutan è consigliato specialmente nel periodo in cui non imperversa il monsone, cioè nei mesi di marzo – giugno e poi settembre – novembre. Anche a luglio e agosto si può visitare il Paese, ma potreste incontrare pioggia a volte battente. Il Bhutan è l’unico Paese himalayano di alta montagna visitabile anche in inverno, proprio perché l’altitudine è minore.

– Stato delle strade. Lo stato delle strade è buono ma è un continuo susseguirsi di curve. Difficile trovare un rettilineo che duri più di 100 metri! Ciò comporta che alle volte un trasferimento di soli 100 km significhi anche 4/5 ore di viaggio. In Bhutan c’è una sola strada, per cui alle volte per passare da una località all’altra si ripassa per le stesse strade e per le stesse curve!

– Alberghi. Ci sono hotel standard o di lusso, anche se sta cominciando a nascere nelle località più frequentate qualche hotel di medio/alto livello. Tra gli hotel standard, quelli tradizionali, scegliamo la categoria A, la migliore. Si tratta comunque di piccoli hotel di montagna paragonabili a 3*. Gli hotel di lusso comportano un supplemento di prezzo elevatissimo.

– Templi. Il sancta sanctorum (sala principale all’interno) dei templi non è visitabile per i non buddisti se non durante i festival dedicati specificatamente al tempio in questione.

– Tassa governativa. il governo del Bhutan applica una tassa fissa per ogni giorno di permanenza in Bhutan che è elevata, è questo e non il livello dei servizi (vedi alberghi) a rendere alto il costo del viaggio.

– Guide. le guide in Bhutan parlano esclusivamente inglese. In questo viaggio di gruppo alla guida bhutanese viene affiancata una guida parlante italiano dal Nepal.

 

 

NOTIZIE SANITARIE:

Nessuna vaccinazione è obbligatoria.

 

 

NOTA IMPORTANTE:

Al momento dell’iscrizione al viaggio è fondamentale comunicare il proprio nome e cognome (da nubile per le Signore) così come risulta sul documento utilizzato per l’espatrio. Nessuna responsabilità verrà attribuita all’Agenzia organizzatrice in caso di impossibilità ad effettuare il viaggio per errati o incompleti dati anagrafici, e le eventuali spese sostenute per le modifiche necessarie saranno attribuite al passeggero.

 

 

“Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’art. 17 della legge 6 febbraio 2006, n. 38  La legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all’estero”.

 

 

 

1

TOUR LOCATION

WRITE A REVIEW

Accomodation
Destination
Meals
Overall
Transport
Value For Money